martedì 29 ottobre 2019

Stefano Petranca (ASI Atletica Roma) secondo ai campionati Italiani Paralimpici

Stefano Petranca, accompagnato dall'atleta-guida Antonio Candido, ha conquistato il secondo posto ai Campionati Italiani Paralimpici di corsa su strada di km 10, che si sono svolti ad Ancona domenica 27 ottobre scorso.

Petranca è un corridore non vedente che gareggia nelle fila dell’ASI Atletica Roma, società che ha recentemente ampliato i suoi orizzonti inserendo una categoria dedicata agli atleti paralimpici. E l'esordio è stato proprio nella gara di Ancona.

"Consumo molta perchè i miei piedi sono i miei occhi, come se avessi dei fuochi ardenti a terra. Devo stare sempre attentissimo, mi concentro sull'appoggio del piede. Ho fatto anche gare di trail in montagna e non sono mai caduto, a differenza di altri che ci vedevano perfettamente. In questa situazione la mia famiglia e la corsa mi aiutano tantissimo".

lunedì 28 ottobre 2019

Terza edizione del Tor Tre Teste Cross Country Decathlon

Una splendida domenica di fine ottobre ha caratterizzato la terza edizione del Tor Tre Teste Cross Country Decathlon. Diverse le novità rispetto alle prime due edizioni a partire dalla collaborazione con Decathlon, con ASI e con la ASD Urbe Runners.

Il percorso, un anello di 2 Km (da ripetere per tre volte) sviluppato intorno al monumento archeologico dell’Acquedotto Alessandrino, ha cercato di esaltare le caratteristiche tipiche di un cross country privilegiano i tratti in erba, i cambi di direzione marcati e i saliscendi.

Alla manifestazione sportiva hanno preso parte 106 atleti di 22 società provenienti da tutta la Regione.

domenica 20 ottobre 2019

FREEDOM AMANIEL E ELISABETTA BELTRAME TRIONFANO NELLA 21^ ROMA URBS MUNDI

3984 atleti al via della 15 km organizzata dal GSBR

E’ stata una grande festa per i 3984 atleti che di buona mattina si sono presentati ai nastri di partenza della 21^ edizione della Roma Urbs Mundi della quale ASI è stato partner. La manifestazione ha colorato oggi, come ogni anno le vie del centro storico della Capitale. I runners, che hanno demolito ogni record precedente di partecipazione, hanno dato vita sullo stesso percorso alla gara competitiva, alla non competitiva, alla prova a staffetta che quest’anno ha fatto il suo esordio alla Urbs Mundi, e alla camminata sportiva alla quale hanno aderito centinaia di fitwalkers. Una giornata di grande sport che ha riscosso unanimi consensi da parte di chi ha partecipato e per il folto pubblico che ha accompagnato nelle strade le fatiche dei protagonisti all’ombra dei monumenti storici della Città Eterna. Quest’anno fra i partner della Roma Urbs Mundi anche Asi che ha contribuito a portare sul percorso un considerevole numero di fitwalkers.

GARA MASCHILE-
Particolarmente performante la gara maschile che ha visto l’eritreo, romano di adozione, Freedom Amaniel bissare il successo dello scorso anno. Il vincitore ha concluso la sua fatica con il tempo di 46:59 che  ha migliorato di 1’ 39” il riscontro cronometrico della scorsa edizione. Alle spalle di Amaniel un sempre positivo Roman Prodius. L’atleta moldavo ha tentato di tenere il passo di testa prima di staccarsi intorno al quinto chilometro. Il suo riscontro cronometrico, 48:30, è comunque di buon valore a testimonianza delle capacità di questa vecchia conoscenza del podismo romano. Terzo posto con 50:51 per il catanese Luca Stagno.

GARA FEMMINILE-
Altro duello fra due assolute protagoniste del running laziale quello che è andato in scena fra le donne. Elisabetta Beltrame,

Una squadra di pallavolo all’interno di un carcere grazie ad ASI

“Belli dentro”: una frase breve ma dai tanti significati. Che racchiude anche la voglia di fare sport. “Belli dentro” è il nome di una squadra, nata all’interno della casa circondariale di Rebibbia che, nella giornata di oggi, ha sfidato per la prima volta una squadra esterna, dopo la conclusione di un torneo interno che ha visto coinvolti i vari reparti dell’istituto. 
La disciplina è quella della pallavolo. La squadra è stata formata all’interno del reparto G11 e gli avversari, i ragazzi della asd Emmeciquadro che ha vinto per 3 set a 1. Dichiara uno dei suoi giocatori “Esperienza fantastica. Entrare in quell’ambiente surreale, dove ci sono storie di vita diverse è stato emozionante, soprattutto vederli in campo con entusiasmo e grinta. L’iniziativa è stata lodevole e da ripetere”.
 
Un’importante giornata, quella di oggi, dove in Settore Integrazione Sociale di ASI, soggetto organizzatore, prosegue una delle attività sportive promosse nello scorso anno presso la C.C. Rebibbia N.C.. “La giornata di oggi - spiega Giulia Minunzio,

venerdì 18 ottobre 2019

ASI segna una svolta nello sport italiano

L'antitrust multa la FISE per posizione dominante e afferma così che non può esserci esclusività nello sport italiano.
A far chiarezza tra Federazioni e il mondo dello sport di base rappresentato da Enti di Promozione Sportiva, società, associazioni ci pensa l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.
L’Antitrust ha multato la Federazione Sport Equestri per abuso di posizione dominante, a seguito di un ricorso presentato da ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane), uno dei maggiori Enti di Promozione Sportiva in Italia.
Le evidenze agli atti hanno dimostrato che FISE ha modificato a più riprese i propri regolamenti, attribuendo a sé la competenza di quasi tutte le forme di attività equestre compresa quella amatoriale e di avviamento allo sport. Oltre a questo, la Federazione Sport Equestri aveva in più occasioni intrapreso procedimenti disciplinari a carico dei responsabili dei circoli che – a suo dire – avrebbero ospitato manifestazioni non conformi ai regolamenti dalla essa emanati. Aveva cioè etichettato questi eventi come agonistici e non amatoriali, prendendo a riferimento alcuni fattori come la presenza di giudici o, nella disciplina del Salto Ostacoli, il superamento di ostacoli superiori ai 70 cm (rispetto alle categorie agonistiche ragionevolmente individuabili, in base al pronunciamento dell’Agcom, in altezze superiori ai 140).

lunedì 30 settembre 2019

Ostia, momenti di integrazione sociale

In occasione della settimana europea dello sport il Settore integrazione sociale di ASI conclude la settimana “libertà di fare sport” con l’evento finale, tenutosi presso lo Stadio P. Giannattasio di Ostia Lido. 
 
Alla manifestazione hanno partecipato 20 associazioni sportive del X municipio, esibendosi con i loro atleti e offrendo la possibilità al pubblico presente di provare le varie discipline. 
Un momento di particolare importanza dove sport assume il significato di integrazione.
La manifestazione infatti era principalmente destinata a soggetti con disabilità intellettive e fisiche che sono stati perfettamente integrati con soggetti normodotati.
 
Feedback assolutamente positivo da parte delle famiglie e associazioni presenti le quali confermano l’importanza di creare momenti di aggregazione attraverso lo sport integrato.

giovedì 29 agosto 2019

Nuovo Registro CONI 2.0

È già da un po’ di tempo – due anni per la precisione – che sentiamo parlare del nuovo Registro CONI e delle importanti novità introdotte.

PREMESSE – IL CONI ORGANISMO CERTIFICATORE
Dopo un 2018 con funzionalità limitate, a partire dal primo gennaio del 2019 il Registro Coni ha definitivamente cambiato volto riformando la sua precedente conformazione e i propri requisiti per il mantenimento dell’iscrizione e conseguentemente del riconoscimento sportivo.
Prima di iniziare a parlare del Registro occorre fare due premesse. La prima è la conferma che il Coni è l’unico organismo certificatore dell’effettiva attività sportiva dilettantistica svolta, dove per attività sportiva dilettantistica il riferimento è l’elenco delle discipline sportive definite con la delibera del CONI numero 1569 del maggio 2017. La seconda premessa riguarda invece l’iscrizione al Registro CONI: lo strumento adottato dal CONI per riconoscere definitivamente ai fini sportivi una associazione o società è il Registro, ovvero l’iscrizione dell’ente all’interno dello stesso.
Fissati questi punti è adesso più chiaro che dalla variazione delle regole di funzionamento di iscrizione al Registro e di mantenimento della stessa potrebbero derivare pesanti conseguente per le Associazioni o Società sportive dilettantistiche.